IN PRIMO PIANO Fini, Marchionne? Un po' più canadese che italiano

 
25.10.2010
Condividi

ROVIGO - 'Marchionne mi sembra ieri abbia dimostrato di essere un po' piu' canadese che italiano, visto che e' italo-canadese'. Lo ha detto il presidente della Camera, Gianfranco Fini, parlando durante un incontro con gli studenti a Rovigo della questione Fiat. 'Ha detto una cosa - ha aggiunto - che sarebbe normale se detta da uno che non e' un top manager italiano, ma e' un po' paradossale che lo dica l'amministratore delegato della Fiat perche' se e' ancora un grande colosso e' stato perche' c'e' stato il contribuente italiano a garantirlo'. EPIFANI, MARCHIONNE VUOLE ANDAR VIA - 'La verita' e' che Marchionne vorrebbe andarsene dall'Italia'. Lo dice, in un colloquio con Repubblica, il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani commentando le affermazioni dell'amministratore delegato della Fiat sulla produttivita' degli impianti italiani. 'Non a caso - aggiunge Epifani - sostiene di non avere piu' debiti con il nostro Paese. E' come se si sentisse obbligato a stare qui da noi, mentre il gruppo e' sempre piu' americano, forte in Brasile e negli Stati Uniti'. Per il leader della Cgil e' impensabile che possano provenire utili dagli stabilimenti italiani se 'sono praticamente fermi'. 'Si fa cassa integrazione dappertutto - spiega -. E si ricorre alla cassa integrazione perche' il mercato europeo non va bene in particolare per i marchi Fiat. Sulle fasce medio alte, quelle che fanno guadagnare, la Fiat e' praticamente assente, e su quelle medio piccole la concorrenza e' agguerritissima. Non ci sono i modelli: questa e' la realta''. Che Marchionne 'fosse molto scettico sul futuro della Fiat in Italia' il Epifani dice di averlo capito da tempo, in particolare 'dopo la decisione di chiudere lo stabilimento siciliano di Termini Imerese e poi dall'ipotesi per molto tempo in ballo di chiudere anche Pomigliano d'Arco. E ancora dal fatto che a Mirafiori non sono arrivati nuovi modelli mentre a Torino continua ad esserci un problema di sovraccapacita' produttiva'. 'Ma davvero si puo' pensare - si chiede - che tutto dipenda da un turno in piu' o in meno?'. Epifani propone allora 'una commissione neutrale', anche istituita dal Parlamento, 'per verificare se sui turni ha ragione la Fiat oppure gli operai che dicono di non farcela'. La verita', conclude, e' che 'allo stato non c'e' un progetto industriale per l'Italia'. CALDEROLI: A TORINO RICORDINO PRESTITI E INCENTIVI - 'Marchionne ha la memoria corta sugli aiuti di Stato'. Lo dice in un'intervista a Repubblica il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli a proposito delle affermazioni dell'amministratore delegato della Fiat sulla produttivita' degli impianti italiani. 'Si potrebbe dire - aggiunge - che gli italiani, e in particolare la Padania, senza la Fiat in questi anni sarebbero stati meglio'. 'Un conto e' aver restituito un prestito - prosegue Calderoli -. La verita' e' che in questi anni gli italiani la Fiat se la sono comprata gia' due volte'. Per il ministro leghista Marchionne non puo' 'prendere in considerazione solo il suo periodo di gestione' e per quanto riguarda gli incentivi, 'se crede di riceverne altri se lo scordi'. Se ci saranno soldi, promette, 'devono andare alle piccole imprese che non hanno mai avuto nulla e che non sputano come lui nel piatto dove hanno mangiato per anni'. Per Calderoli 'probabilmente Marchionne cerca un paracadute per i risultati che portera' a casa e darne ad altri la responsabilita'. Da canadese ha fatto presto ad italianizzarsi. La Fiat ha gia' partorito l'avannotto Montezemolo, non possono produrne un altro'. BOMBASSEI: BENE MARCHIONNE; SERVE SFORZO DI SISTEMA - Da Marchionne parole 'del tutto condivisibili', anzi l'ad di Fiat avrebbe potuto dire anche che 'la competitivita' di un Paese non e' solo una questione di costo del lavoro ma anche di costi dell'energia, di fisco, di infrastrutture; insomma, dello sforzo comune di un intero sistema. Purtroppo tutte queste voci vedono l'Italia soccombere al cospetto di altri Paesi'. L'analisi delle affermazioni del numero uno del Lingotto e' di Alberto Bombassei, vicepresidente di Confindustria, intervistato dal Corriere della Sera. 'Non e' solo con Pechino che siamo perdenti - prosegue l'industriale -; in Polonia, ad esempio, le ore lavorate ogni anno sono mediamente 200 in piu' rispetto all'Italia. Sono confronti a cui non possiamo piu' sottrarci altrimenti corriamo il rischio di una vera e propria desertificazione industriale. Sarebbe fatale, per l'Italia, ripetere l'errore commesso dagli Stati Uniti che hanno pensato di poter sostituire la manifattura con la finanza'. 'Nessuna deroga contrattuale - aggiunge Bombassei - e' possibile senza l'assenso dei sindacati. Ma occorre dialogare e trovare tutti assieme le condizioni perche' non solo gli investitori stranieri ricomincino a scommettere sull'Italia ma anche perche' le aziende non fuggano all'estero'. A questo proposito e' necessario 'il coinvolgimento della politica', per il vice di Confindustria 'troppo assente' e 'presa da altre questioni'. BONANNI: SFIDO MARCHIONNE SU PROFITTI AI LAVORATORI - 'Lancio la seguente sfida all'amministratore delegato del Lingotto: arriviamo al pieno utilizzo degli impianti in cambio non solo del salario di produttivita', ma anche della ripartizione degli utili e si arrivi ad un livello alto di partecipazione delle decisioni aziendali'. Lo dice in un'intervista al Corriere della Sera il segretario della Cisl Raffaele Bonanni a proposito delle affermazioni di Sergio Marchionne sulla produttivita' degli stabilimenti italiani di Fiat. 'Lo sapevamo - aggiunge - che la produttivita' e' un problema reale' a causa 'dell'immobilismo del governo e dell'ideologismo dell'opposizione'. Con l'ad del Lingotto Bonanni spiega che la Cisl aveva 'gia' affrontato il problema'. Il punto, afferma, e' 'vedere insieme come si puo' arrivare ad un utilizzo intensivo degli impianti adeguandoci a cio' che avviene in altri Paesi europei'. Occorre parlarne ma ad un patto, sottolinea, 'che la discussione avvenga alla luce del sole, di fronte a tutti gli attori 'sensibili'. E' assurdo - dice Bonanni - che, in un momento di crisi come quello attuale, di fronte alla perdita ogni giorno di posti di lavoro, si continui a discutere di altro creando un clima che definirei surreale. La classe dirigente appare lontana, quasi insensibile'. VENDOLA: FACCIA AUTOCRITICA AD AZIENDA CHE NON INNOVA - 'Marchionne dovrebbe fare l'autocritica della Fiat, che non ha prodotto niente di innovativo. Si puo' immaginare che la cosa piu' innovativa sia la Punto? Ho tutta la dispobinilita' a confrontarmi con il 'guru del turbo-capitalismo' dei tempi nostri, ma ci vuole un po' di rispetto, alcune frasi sono inascoltabili, sono quasi inquinamento acustico'. Lo ha detto Nichi Vendola durante 'Agora'', condotto da Andrea Vianello, su Rai Tre, in riferimento a quanto dichiarato dall'Ad della Fiat Sergio Marchionne a 'Che tempo che fa'. 'Il nostro Paese ha consentito alla Fiat di essere azienda di stato. E oggi non e' possibile - ha aggiunto Vendola - poter immaginare di trattare l'Italia come una palla al piede. Onestamente mi pare un po' poco patriottico'.

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi degli artt. 13 Reg. UE 2016/679 (GDPR) e 13 d.lgs. 196/2003 (Codice della privacy)

Informazioni sul trattamento e sulla gestione dei dati personali
Il conferimento di un mandato di vendita di beni usati o, in alcuni casi, la manifestazione di interesse per gli oggetti esposti o da esporre, prevede la raccolta dei dati personali dell'interessato. La raccolta avviene presso il Mercatino affiliato, tramite un proprio incaricato, oppure attraverso il conferimento diretto da parte dell’interessato attraverso il sito internet www.mercatinousato.com. I dati personali raccolti sono: i dati anagrafici, il codice fiscale, un documento di riconoscimento, il numero di telefono, l’indirizzo e-mail.

Gestione e trattamento
Il Titolare del trattamento dei dati personali è il singolo mercatino affiliato che ha raccolto i dati. I dati personali sono condivisi dal Titolare con Mercatino Srl per la gestione dei servizi di assistenza e supporto alla compravendita dei beni, previsti dal contratto di franchising. I dati personali possono essere utilizzati, solo con il consenso dell'interessato, per attività di marketing da parte del Mercatino che ha raccolto i dati personali.

Conservazione
I dati personali raccolti (su supporto fisico ed elettronico) sono conservati e custoditi nella sede di raccolta. Mercatino Srl conserva la copia elettronica dei dati personali per le finalità sopra descritte e, in particolare, al fine di: A) erogare i servizi di assistenza e supporto alla rete di franchising; B) erogare servizi di assistenza clienti tramite il numero verde; offrire i servizi all’interessato attraverso le Applicazioni per dispositivi mobili che quest’ultimo decida di utilizzare; erogare i servizi di gestione delle vetrine on line.

Diritti dell'interessato
L'interessato può esercitare i propri diritti e prendere visione dell'elenco aggiornato dei trattamenti direttamente presso la sede di raccolta, al numero verde 800.758.758 o all'indirizzo https://www.mercatinousato.com/privacy.

Glossario dei termini
Dato personale: qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o Identificabile.
Interessato: la persona fisica cui si riferiscono i dati.
Trattamento: qualsiasi operazione o insieme di operazioni, compiute con o senza l'ausilio di processi automatizzati e applicate a dati personali o insiemi di dati personali
Titolare: la persona fisica o giuridica, l'autorità pubblica, il servizio o altro organismo che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali.

COOKIES


Che cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di testo salvati sul computer o device durante la navigazione, che permettono di raccogliere informazioni circa l’attività online. Hanno una scadenza temporale dopo la quale vengono eliminati; alcuni vengono cancellati direttamente al termine della sessione.

A cosa servono?
I cookie ci consentono di rendere la tua navigazione personalizzata e pensata sulla base delle tue preferenze. Ci permettono anche di capire come migliorare il nostro sito per renderlo sempre più piacevole e facile da consultare.

Che tipologia di cookie utilizziamo?
Cookie tecnici: sono essenziali per il funzionamento del sito web. Questo tipo di cookie ti consente di navigare il sito correttamente, vedere gli oggetti, usufruire dei servizi.

No cookie?
Ti spieghiamo come fare per gestire, verificare ed eliminare i cookie dal tuo dispositivo, in base al browser che utilizzi:

Internet Explorer: http://support.microsoft.com/gp/cookies/en
Mozilla Firefox: http://support.mozilla.com/en-US/kb/Cookies
Google Chrome: http://www.google.com/support/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647
Safari: https://support.apple.com/kb/PH19214?locale=it_IT
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/


INFORMATIVA FIRMA ELETTRONICA SEMPLICE
D.LGS. 82/2005 e D.P.C.M. del 22.02.2013


1. La firma elettronica semplice costituisce un'innovativa soluzione informatica che consente ai clienti di firmare elettronicamente il mandato di vendita, la privacy, la lista oggetti ricevuti, la lista oggetti venduti, lista oggetti resi, lista oggetti danneggiati o rotti, lista oggetti mancanti causa furto, l’acconto sul venduto e qualunque altro documento relativo al rapporto contrattuale;

2. la firma elettronica semplice fa parte del più ampio progetto di “Mercatino digitale” che prevede la riduzione dell'uso di documenti cartacei nella gestione operativa dell’attività del singolo punto vendita, con la progressiva introduzione di documentazione digitale, alla luce della forte sensibilizzazione della rete Mercatino circa il problema del rispetto dell'ambiente e della limitazione degli sprechi, tematica che rappresenta la filosofia pienamente sposata dalla rete;

3. la firma elettronica semplice permette di firmare i documenti in formato elettronico mediante l'apposizione da parte del cliente della propria firma su un tablet (tavoletta digitale) collegato alla postazione di lavoro dell'operatore del punto vendita, consentendo di ridurre o eliminare la stampa cartacea dei documenti sopra citati;

4. per poter sottoscrivere la documentazione per la quale la rete Mercatino renderà possibile la sottoscrizione con firma elettronica semplice, il cliente deve aver preventivamente accettato il servizio sottoscrivendo l'apposita richiesta di utilizzo ovvero confermare di aver visionato l’informativa presente nei punti vendita e/o sul sito internet all’indirizzo www.mercatinousato.com/privacy;

5. il servizio di firma elettronica semplice consente al cliente di:
- firmare direttamente sul tablet (tavoletta digitale) con effetto grafico simile alla classica firma autografa su carta;
- una volta completata la firma: accettare l'operazione premendo con la penna elettronica l'apposito tasto di conferma presente sul tablet (tavoletta digitale); riproporre la firma, premendo con la penna elettronica l'apposito tasto di cancellazione presente sul tablet (tavoletta digitale); annullare definitivamente l'operazione di firma. Al termine, il documento assume caratteristiche tecniche ed informatiche che ne garantiscono l'integrità e non modificabilità;

6. I dati raccolti attraverso le modalità di cui alla presente informativa saranno conservati in formato pdf su server remoto per la durata di dieci anni complessivi dall’apposizione della firma sul documento. Solo per il primo anno, al fine di migliorare l’operatività, saranno disponibili anche sul computer locale -denominato “principale”- del singolo punto vendita. Il punto vendita avrà accesso ai documenti archiviati mediante una sezione dedicata, accessibile esclusivamente al punto vendita stesso. Con cadenza annuale i documenti in remoto verranno conservati a cura della Mercatino mediante apposizione della marca temporale;

7. a semplice richiesta del cliente, dovrà essere fornita liberamente e gratuitamente copia della dichiarazione firmata e delle informazioni di cui alla presente informativa;

8. in ogni momento, il cliente potrà revocare il consenso prestato all'utilizzo del sistema di firma elettronica semplice.

TERMINI E CONDIZIONI

TERMINI LEGALI

Accedendo alla vetrina dei negozi Mercatino gli utenti si impegnano ad accettare e concordare di attenersi al rispetto di tutte le condizioni contenute nel sito www.mercatinousato.com. Gli utenti che non accettino o non intendano rispettare tali termini sono pregati di astenersi dall’utilizzo del sistema e-commerce. L'accesso al sito e ai relativi servizi è destinato esclusivamente all’utilizzo personale. La visualizzazione del sito www.mercatinousato.com fornisce al cliente informazioni sui prodotti proposti dai negozi Mercatino insieme alla possibilità di acquisto degli stessi.

DEFINIZIONE DI CLIENTE

I prodotti in vendita nei negozi Mercatino sono destinati al consumatore finale, per cui non possono essere emesse fatture ad aziende con partita iva. Invitiamo gli utenti non riconducibili alla definizione sopra descritta ad astenersi dallo stabilire rapporti commerciali con i negozi Mercatino.

DISPONIBILITÀ DI PRODOTTI

L’assortimento presente sul sito è collegato a tutti i negozi affiliati alla catena Mercatino compra vendita usato. Tuttavia una richiesta di prenotazione (non vincolante) d’ordine sul sito potrebbe coincidere con un contemporaneo acquisto nei Mercatini fisici da parte di clienti privati: per questo motivo, ad ogni prenotazione/richiesta d’ordine ricevuta, il negozio Mercatino si riserva il diritto di confermare la disponibilità degli articoli prenotati. Nell’eventualità in cui gli articoli richiesti non siano disponibili e/o nel caso in cui l’ordine non possa essere evaso come da richiesta, il negozio Mercatino darà tempestiva comunicazione al cliente.

PROPRIETÀ DEI CONTENUTI

Tutto il contenuto del sito www.mercatinousato.com è proprietà della Mercatino S.r.l., ivi compresi documenti, fotografie, immagini, caratteri, design, codici e format scripts. Il materiale contenuto nel sito web è protetto da diritto d’autore secondo la Legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive modifiche. Qualsiasi riproduzione, alterazione, trasmissione, pubblicazione o ridistribuzione a terzi, per scopi commerciali, è severamente vietata se priva di espresso consenso scritto fornito dalla Mercatino S.r.l.

RESPONSABILITÀ DEL SITO

Mercatino S.r.l. proprietaria del sito www.mercatinousato.com pubblica informazioni sui propri siti al fine di fornire un servizio ai clienti, ma declina ogni responsabilità in caso di inesattezze tecniche o errori tipografici, per i quali è prevista correzione in seguito a segnalazione. Mercatino S.r.l. si riserva il diritto di correggere testi o modificare aree dei siti ad ogni livello nel momento in cui lo ritenga necessario e senza preavviso alcuno. Mercatino S.r.l. non offre garanzie sulla conformità delle informazioni pubblicate sui propri siti e dei siti dei propri Affiliati e declina ogni responsabilità relativa a eventuali problemi, danni o rischi che l'utente può incontrare durante l’utilizzo dei siti. Mercatino S.r.l. garantisce che i propri siti sono protetti secondo gli standard internazionali previsti per Internet: se li usa correttamente, l’utente è protetto dal rischio di virus. Mercatino S.r.l. declina ogni responsabilità relativa a malfunzionamenti legati alla disattivazione dei cookies nel browser dell'utente. Mercatino S.r.l. si riserva il diritto di rettificare in forma scritta i termini e le condizioni contenute nel sito ogni qualvolta lo ritenga opportuno, senza obbligo di preavviso. L'utente è altresì tenuto ad attenersi ai termini contenuti nelle varie aree del sito, controllando periodicamente la presenza di eventuali aggiornamenti.

LEGISLAZIONE ITALIANA

Gli utenti che accedono al presente sito dichiarano di accettare che tutte le questioni relative all'utilizzo del sito web www.mercatinousato.com e dei suoi servizi siano regolate dalla legislazione vigente dello Stato italiano. Dichiarano inoltre di assoggettarsi esclusivamente alla competenza del Foro di Verona per le questioni sopracitate. Mercatino S.r.l. non garantisce in alcun modo che il contenuto del sito sia conforme alle normative vigenti in altri paesi. L'accesso al sito www.mercatinousato.com da luoghi in cui i relativi contenuti sono considerati illegali è espressamente proibito: gli utenti che decidano di accedere al sito da tali paesi sono pienamente consapevoli delle conseguenze legali e delle sanzioni in cui rischiano di incorrere e saranno i soli responsabili del rispetto delle leggi locali.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

Tutti i negozi Mercatino operano come agenzia d’affari conto terzi con soggetti privati pertanto svolgono attività di intermediazione nella compravendita di oggetti usati tra privati. Di conseguenza le cessioni degli oggetti avvengono tra due consumatori finali, non sono soggette a fatturazione, e saranno documentate tramite emissione di ricevuta che ne comprova l’acquisto. L'offerta e la vendita di prodotti sul nostro sito web www.mercatinousato.com sono regolate da queste Condizioni Generali di Vendita. I prodotti acquistati sul sito della Mercatino S.r.l. sono venduti direttamente dai negozi affiliati alla catena in franchising “Mercatino compra vendita usato” che agiscono in proprio. rif. ART 115 del R.D. 773/1931
("MERCATINO S.r.l. via Messedaglia 8/c"), P.IVA 04021490232 REA 385074, Cap. Soc. 100.000,00 € i.v.)